La dieta delle star: alla scoperta della paleo dieta

https://www.nutritionslimming.it/image/cache/catalog/blog/Dimagrire/!Menupaleodieta-696x435.jpg

Il personal trainer che segue passo passo le modelle di Victoria Secret si è recentemente lasciato scappare il segreto della loro silhouette perfetta e di come facciano a mantenere il loro fisico da sogno: la paleo dieta. Se pensate che si tratti solo dell’ennesima moda stravagante delle star, state pronti a ricredervi: si tratta del regime alimentare che ha tenuto in splendida forma l’uomo per oltre due milioni di anni. Cos’è e come funziona la paleo dieta? Continuate a leggere per scoprirlo!

Come funziona la paleo dieta

La paleo dieta è anche conosciuta con il nome di “dieta dei cavernicoli”: si tratta di un regime alimentare “inventato” dal nutrizionista dell’Universitá del Colorado Lorein Cordain, da sempre appassionato di storie del paleolitico. Quando si parla di paleo dieta, il termine “inventato” non è quello piú appropriato: la paleo dieta esista da 2 milioni di anni! Se le star di Hollywood e le modelle di Victoria Secret la seguono ormai da tempo e hanno contribuito a portare la paleo dieta alla fama internazionale, il principio fondamentale di questo regime alimentare si basa sull’idea che oggi giorno gli uomini debbano mangiare come facevano i nostri progenitori per garantirsi il peso forma ottimale e mantenere in salute il corpo.

Le linea guida della paleo dieta

Alla base della paleo dieta c’è la convinzione che assumere i cibi cosí come sono presenti i natura rappresenti la soluzione migliore per mantenere in salute il corpo: la dieta dei cavernicoli promette di rispettare l’alimentazione per la quale l’uomo è stato “geneticamente programmato” dalla natura stessa, eliminando tutti quegli alimenti raffinati che sono nocivi per il metabolismo. Pensiamo a quello che mangiavano gli uomini del paleolitico per avere delle linee guida generali su cosa mangiare seguendo una paleo diet: si parla di un’assunzione elevata di proteine, dato che i cavernicoli si nutrivano principalmente di carne, mentre l’apporto di carboidrati risulta basso e proveniente da frutta e verdure non coltivate. Si tratta ovviamente di eliminare latticini, zuccheri, sale, cereali o cibi lavorati dalla mano dell’uomo. Secondo Cordain, è inoltre di fondamentale importanza associare una regolare attivitá fisica all’alimentazione per seguire lo stile di vita tipico degli antenati.

Paleo dieta: cibi sí e cibi no

Entriamo piú nel dettaglio e vediamo quali sono gli alimenti ammessi e quelli proibiti dalla paleo dieta.

I cibi sí della paleo dieta

La paleo dieta permette di mangiare solo gli alimenti che esistevano nell’era paleolitica, di evitare i prodotti raffinati e di concedersi, molto raramente, anche alcuni “vizi” come alcolici, olio, tè o caffè.

Gli alimenti ammessi sono:

  • Frutta e verdura di stagione
  • Pesce
  • Crostacei e molluschi
  • Carne, preferibilmente grass-fed
  • Uova del contadino
  • Radici e tuberi come tarassaco, daikon, topinambur, pastinaca
  • Semi e noci
  • Bacche
  • Miele
  • Erbe aromatiche, spezie, funghi
  • Alghe

I cibi no della paleo dieta

  • Cereali
  • Latte e latticini
  • Legumi
  • Grassi idrogenati come olio di girasole, arachidi, margarina e soia
  • Zuccheri
  • Alcool
  • Cibi raffinati, industriali o confezionati

Vantaggi e svantaggi della paleo dieta: ci sono rischi?

Il motto di chi segue la paleo dieta è: “se l’ha fatto l’uomo non mangiarlo”. Ci sono ovviamente dei vantaggi nel seguire questo tipo di alimentazione, ma si possono correre anche dei rischi.

I vantaggi

Secondo le ricerche, chi segue una paleo dieta riscontra benefici per l’organismo come:

  • Glicemia piú stabile
  • Rafforzamento del sistema immunitario
  • Miglioramento della qualitá del sonno
  • Perdita di peso e mantenimento del peso forma
  • Piú energia a disposizione
  • Flora intestinale piú sana
  • Aumento della libido
  • Diminuzione delle infiammazioni localizzate
  • Pelle piú sana
  • Migliore sensibilitá insulinica

I rischi

Mancano degli studi approfondite ed una documentazione accurata su questo regime alimentare. Sicuramente si tratta di un regime non adatta a chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana. L’alta quantitá di carne consumata, oltre alla totale assenza di latticini, non corrispondono ad uno stile di alimentazione ritenuto da molto nutrizionisti sano ed equilibrato.

Paleo dieta esempio: cosa mettere in tavola

Giorno 1

Colazione: uova sode e mandorle. Un frutto.

Pranzo: Insalata di pollo con una manciata di noci.

Cena: Hamburger (senza panino), con verdure di stagione.

Giorno 2

Colazione: uova fritte in olio di cocco e verdure.

Pranzo: bresaola e rucola

Cena: spezzatino con verdure crude

Giorno 3

Colazione: frullato di frutta con latte di cocco

Pranzo: omelette con insalata e pomodori

Cena: zuppa di verdure con affettato a scelta

Giorno 4

Colazione: salmone e noci

Pranzo: pollo al curry con insalata

Cena: ali di pollo alla griglia con verdure

Giorno 5

Colazione: prosciutto crudo e macedonia

Pranzo: bistecca e verdure

Cena: pollo arrosto con verdure grigliate

Giorno 6

Colazione: Uova e un frutto

Pranzo: petto di pollo ai ferri con insalata

Cena: Salmone al forno con verdure e avocado.

Giorno 7

Colazione: uova fritte in olio di cocco e verdure

Pranzo: insalata di gamberi e rucola

Cena: salmone con verdure di stagione

0Comments

Leave a comment





   Bad           Good