Dieta senza glutine per i non celiaci: possibilità o rischio?

https://www.nutritionslimming.it/image/cache/catalog/blog/Salute%20e%20bellezza/!CeliachiaAlimenti-696x435.jpg

Si tratta solo di una moda passeggera oppure la dieta senza glutine può diventare un ottimo alleato anche per chi non soffre di celiachia, per mantenere la linea e restare in salute? In sostanza, la dieta senza glutine fa male a chi non è celiaco? Il dibattito sull’argomento è apertissimo: c’è chi sostiene che seguire un regime alimentare povero di glutine sia un metodo efficace per aiutare il dimagrimento e rendere sano il proprio organismo, ma c’è anche chi ritiene che si tratti di una soluzione pericolosa quando non si accompagna a delle reali necessità allergiche.

La “moda” della dieta senza glutine per i non celiaci

Quello che è certo è che la dieta senza glutine non è di sicuro una “moda” per chi è celiaco, anzi: si tratta di una necessità. La celiachia è una intolleranza alimentare genetica che si scatena quando vengono introdotti nell’organismo cibi che contengono glucosio: questa sostanza polilipidica che si origina con la lavorazione di alcuni cibi, tra cui farina, pasta, pizza e orzo, scatena in chi soffre di questa patologia una reazione negativa del sistema immunitario che attacca l’intestino fino a danneggiarlo, causa un malassorbimento delle sostanze nutritive nei cibi e diversi disturbi come diarrea, anemia o carenze vitaminiche. Per questi soggetti, la dieta senza glutine è l’unica soluzione possibile.

Negli ultimi anni, il mercato dei prodotti gluten-free è cresciuto in maniera esponenziale: un sollievo per i soggetti affetti di celiachia, ma anche una moda che ha portato soggetti non celiaci e non a rischio di sviluppare l’intolleranza a scegliere di seguire a loro volta una dieta senza glutine.

Si tratta di una scelta condivisibile o meno? Proviamo ad indagare più a fondo.

Dieta senza glutine per i non celiaci: i motivi del sì

Alcune ricerche ritengono che eliminare il glutine dalla propria dieta possa essere una scelta utile a migliorare la salute dell’organismo. Secondo le ricerche, si sta diffondendo molto rapidamente un disturbo sempre legato al glutine, ma distinto dalla celiachia: si tratta della gluten sensitivity, una condizione ancora difficilmente diagnosticabile che porta ad essere sensibili ai cibi a base di glutini e ad avere una varietà di sinto,i, come problemi gastrointestinali,  meteorismo, stipsi, eczema, cefalee, sonnolenza e stanchezza cronica. I sintomi sono meno forti di quelli che si manifestano con la celiachia e rendono molto difficile identificare il problema come correlato al glutine. Per questo alcuni dietologi consigliano di seguire un dieta senza glutine anche per i non celiaci, per eliminare il sospetto alla radice. C’è chi ritiene inoltre che seguire una dieta senza glutine, eliminando pane, pasta o altri alimenti, sia un buon modo per velocizzare il processo di dimagrimento e sostituire questi cibi con alimenti ritenuti più sani, come verdure e frutta. Chi sostiene la dieta senza glutine per non celiaci sottolinea anche come questo regime alimentare permetta di variare la tipologia di cibi assunti, ampliare la dieta, sperimentare e fornire giovamento al corpo. Infine, ci sono coloro che consigliano la dieta senza glutine per non celiaci per motivi di solidarietà, quando si ha un bambino o un membro della famiglia celiaco, per aiutarlo ad abituarsi alla dieta e non mischiare i cibi. Senza contare le star che dichiarano di “sentirsi meglio” ad acquistare prodotti gluten-free perchè proteggono l’ambiente.

Dieta senza glutine per i non celiaci: i motivi del no

I motivi del no sono davvero numerosi: molti ricercatori sottolinea come la dieta senza glutine per i non celiaci possa essere dannosa. Secondo questi ricercatori, la dieta senza glutine per non celiaci farebbe male: si tratta di non apportare al proprio organismo la giusta alimentazione bilanciata, rischiando di comprometterne la salute, motivo per il quale chi soffre di celiachia è spesso seguito da uno specialista che si assicura che la sua dieta sia abbastanza completa. L’idea di dimagrire con la dieta senza glutine per non celiaci sarebbe falsa: i prodotti senza glutine compensano la mancanza aggiungendo più zuccheri e grassi dei prodotti tradizionali, che espongono il soggetto ad aumento di peso, problemi metabolici e insulino-resistenza. Il glutine non sarebbe una sostanza dannosa per chi non ha problemi ad assimilarlo e gli studi smentiscono che esista una connessione fra consumo eccessivo di glutine e sviluppo di malattie come la celiachia o altre allergie.  Si tratta di una strategia preventiva sbagliata, che può generare problemi nel corretto sviluppo dei bambini e problematiche legate all’intestino e alla digestione.

 

 

0Comments

Leave a comment





   Bad           Good