Dieta chetogenica per dimagrire e non solo: i benefici

https://www.nutritionslimming.it/image/cache/catalog/blog/Dimagrire/!DietaChetogenicaPiatto-696x435.jpg

Forse molti di voi avranno sentito parlare dei benefici della dieta chetogenica per dimagrire in fretta e tornare in forma, ma sapete che questo tipo di alimentazione ha diversi benefici per il vostro organismo e non solo per la vostra estetica? Nel Regno Unito la consigliano addirittura come rimedio in caso di problemi epilettici! In che cosa consiste e quando puó essere dannosa per la nostra salute? Cerchiamo di fare chiarezza.

Perché si sceglie la dieta chetogenica per dimagrire

Ultimamente si sente spesso parlare di dieta chetogenica: si tratta di una strategia nutrizionale che si basa sulla riduzione del consumo quotidiano di carboidrati. Secondo i sostenitori della dieta chetogenica per dimagrire, ridurre i carboidrati costringe il nostro corpo a produrre in modo autonomo il glucosio che gli serve per mantenere in funzione l’organismo e aumentare il consumo dei grassi contenuti nel tessuto adiposo, andando a ridurre la massa grassa accumulata.

Dieta chetogenica per dimagrire: i pro e o contro

C’è chi la critica e chi la osanna, ma quali sono davvero i pro e i contro della dieta chetogenica per dimagrire? Innanzitutto, bisogna comprendere in modo piú approfondito cosa succede al nostro organismo quando segue questo tipo di alimentazione e come seguirla correttamente.

Cosa comprende la dieta chetogenica

Quando si segue una dieta chetogenica per dimagrire, bisogna prevedere l’esclusione, per un periodo di tempo determinato, che si aggira di solito tra i venti giorni e i due mesi al massimo, dei carboidrati sia semplici che complessi: gli zuccheri.

Seguire correttamente un’alimentazione chetogenica non vuole semplicemente eliminare il pane e la pasta: significa eliminare frutta, bevande zuccherate, succhi di frutta, latticini, pomodori, carote, addirittura i legumi.

Probabilmente leggendo tutte queste regole, molti di voi si chiederanno “perché tanta sofferenza”? il trucco sta in quello che succede al tuo corpo quando segui una simile dieta: parliamo di indurre uno stato di chetosi nell’organismo. Semplificando, il nostro corpo è abituato a ricavarsi l’energia che utilizza per svolgere le normali funzioni quotidiane dagli zuccheri che introduciamo tramite alimentazione. Il glucosio stesso, ad esempio, è di fondamentale importanza per nutrire il cervello. Togliendo all’organismo la sua principale fonte di alimentazione, i carboidrati, il corpo inizia ad utilizzare le “scorte” accumulate per poter sopravvivere: la massa grassa. Inizia quindi un processo di demolizione del grasso che porta il corpo a perdere peso in fretta.

Dieta chetogenica e rigore

Il fatto che la dieta chetogenica debba essere seguita in modo assolutamente rigido e rigoroso è dovuto al fatto che “sgarrare” anche di poco, con una semplice e, all’apparenza, innocente, fetta di pane invalida sostanzialmente l’intero processo: anche una minima quota di carboidrati superiore a quella prevista dal periodo di dieta ci porta ad uscire dalla chetosi e ci costringe a ricominciare da capo;

Quanto è rischioso seguire una dieta chetogenica per dimagrire?

Non mancano certo le polemiche sul rischio di seguire la dieta chetogenica per dimagrire. C’è un fondo di veritá nelle critiche: se i vantaggi di una simile alimentazione sono numerosi, se seguita in modo superficiale non mancano certo i rischi, anche gravi, per la salute.

La dieta chetogenica è consigliata soprattutto a chi deve perdere ingenti quantitá di peso: se seguita in modo superficiale, puó portare a svantaggi tra cui:

  • Problemi renali
  • Disidratazione
  • Ipoglicemia
  • Ipotensione

E’ stato addirittura coniato un temine, la Keto-flu (keto-influenza in italiana) per chiamare i sintomi legato alle conseguenze della dieta chetogenica per dimagrire.

La Keto-flu comprende:

  • Mal di testa
  • Palpitazioni cardiache
  • Crampi muscolari
  • Stitichezza
  • Affaticamente
  • Vertigini
  • Nausea
  • Stress ed irritazione

Dieta chetogenica per dimagrire: quando seguirla e quando non farlo

Non a tutti i soggetti è consigliato seguire una dieta chetogenica per dimagrire. Dati gli effetti collaterali sopra riportati, è sconsigliato indurre il processo di chetosi quando:

  • Si soffre di patologie renali o epatiche
  • Si soffre di disturbi alimentari
  • Si soffre di diabete di tipo I
  • Si è in stato di gravidanza o allattamento

La dieta chetogenica rimane invece un’ottima soluzione per soggetti che devono perdere ingenti quantitá di peso, o per soggetti che soffrono di alcune patologie, una in particolare: l’epilessia.

Dieta chetogenica ed epilessia: i vantaggi

Il ritorno alla fama della dieta chetogenica in realtá deriva proprio dagli studi sperimentali condotti negli anni ’20 per cercare di migliorare le condizioni di vita delle persone che soffrono di crisi epilettiche. Durante quegli studi è emerso come la dieta chetogenica fosse ottimale per le persone che soffrono di simile problematiche: il cervello dei pazienti lasciato “a secco” di glucosio riesce a riassettare il proprio metabolismo riducendo in modo significativo le crisi epilettiche. «Furono pubblicati quattro lavori sul ruolo del digiuno chetogenico – spiega l’ADI – in cui, oltre agli auspicati effetti neurologici, si descrivevano gli effetti collaterali di dimagramento, aprendo la strada a ulteriori ricerche in questo campo».

 

0Comments

Leave a comment





   Bad           Good